Sbocchi professionali

Ingegnere delle telecomunicazioni
funzione in un contesto di lavoro:
I laureati magistrali in Communication Engineering hanno conoscenze avanzate sia tecniche sia metodologiche che consentono loro di svolgere compiti di analisi, progettazione e gestione di sistemi di comunicazione wireless o cablati, di reti di telecomunicazione, di sistemi di elaborazione dei segnali, di sistemi multimediali e di sicurezza e di altre applicazioni in ambito ICT.
Le conoscenze tecniche specifiche del settore possono agevolmente essere integrate con conoscenze di altro tipo (ad esempio gestionali ed economiche).
Inoltre i laureati magistrali in Communication Engineering conoscono ed usano correntemente la lingua inglese in contesti tecnici avanzati e sono preparati per operare in ambienti collaborativi internazionali.

Più in particolare si riconoscono le seguenti figure professionali tipiche dell'ingegnere delle telecomunicazioni:

- progettista di reti e servizi;

- esperto di gestione di sistemi / reti di TLC;

- progettista di apparati e sistemi;

Nelle schede sottostanti sono delineate le funzioni, le competenze e gli sbocchi occupazionali più specifici di ciascuna di tali figure.

competenze associate alla funzione:
- sa analizzare il comportamento di sistemi e reti di telecomunicazione allo scopo di verificarne la qualità dei servizi offerti con riferimento alla loro affidabilità, disponibilità ed efficacia, anche in relazione a requisiti normativi di sicurezza e di tutela ambientale;

- sa definire e progettare componenti, sistemi e reti per telecomunicazioni e per l'elaborazione dei segnali;

- sa operare con competenza nell'ambito della produzione, ingegnerizzazione, manutenzione ed esercizio di apparati e sistemi di telecomunicazione;

- sa gestire sistemi e reti di telecomunicazione anche complessi al fine di ottimizzarne le condizioni funzionamento in relazione a specifiche esigenze applicative;

- sa seguire professionalmente l'evoluzione e lo sviluppo delle tecnologie dell'informazione in generale e delle telecomunicazioni in particolare, sulla base delle conoscenze e delle metodologie acquisite.

sbocchi professionali:
Gli sbocchi occupazionali per il laureato magistrale in Communication Engineering sono tipicamente nell'ambito di aziende ed enti pubblici che operano nei seguenti settori:

- progettazione, produzione e gestione di apparecchiature, reti e sistemi ICT;

- componenti per fibre ottiche o microonde, compatibilità elettromagnetica;

- gestione di reti e servizi di telecomunicazione;

- elaborazione numerica dei segnali per applicazioni audio, video, immagini, sensori, robotica, ingegneria biomedica, ecc;

- telerilevamento, radar, controllo del traffico aereo e marittimo;

- organismi di regolamentazione, supervisione controllo e di organismi di standardizzazione.

Il corso consente anche l'accesso al dottorato di ricerca, inteso come sbocco occupazionale transitorio in preparazione ad una futura attività professionale principalmente in centri di ricerca industriali o pubblici.

Progettista di reti e servizi
funzione in un contesto di lavoro:
- contribuisce alle fasi di sviluppo e produzione delle reti e dei servizi di TLC;

- contribuisce alla gestione del rapporto con il committente;

- contribuisce alla scrittura delle specifiche tecniche e dei manuali di documentazione
competenze associate alla funzione:
- sa leggere e comprendere gli standard di rete;

- sa utilizzare protocolli di rete e linguaggi di programmazione ad alto livello;

- sa dimensionare una rete di TLC;

- sa applicare i criteri per testare i vari componenti, sistemi e sottosistemi di rete;

- sa redigere specifiche e manuali di documentazione
sbocchi professionali:
- aziende che sviluppano/producono componenti, apparati e protocolli per reti di TLC;

- aziende che sviluppano applicazioni per la distribuzione di contenuti multimediali su internet, applicazioni per la sicurezza, etc.
Esperto di gestione di sistemi o reti
funzione in un contesto di lavoro:
- coordina la gestione, il dimensionamento, il monitoraggio, la manutenzione e l'aggiornamento di apparati e reti di telecomunicazioni/informatiche;

- gestisce guasti e allarmi;

- tiene aggiornata l'architettura e i protocolli del sistema o rete informatica secondo le esigenza dei clienti;

- è responsabile per la sicurezza e l'integrità dei dati;
competenze associate alla funzione:
- sa leggere e comprendere le normative in materia;

- sa utilizzare i protocolli e le architetture di sistema/rete e i linguaggi di programmazione;

- sa applicare i modelli teorici del settore per l'ottimizzazione della gestione;

- sa redigere specifiche e manuali di documentazione;
sbocchi professionali:
- operatori di telecomunicazioni/internet;

- organizzazioni dotate di una rete dati interna complessa, come banche, pubbliche amministrazioni, aziende di medio/grandi dimensioni.
Progettista di apparati e sistemi
funzione in un contesto di lavoro:
- contribuisce alle fasi di sviluppo, ingegnerizzazione e produzione degli apparati e sistemi, principalmente per la parte software, di digital signal processing e protocollare, ma ha le competenze per contribuire anche alla parte hardware.

- collabora alla gestione del rapporto con il committente, dalla definizione delle specifiche di sistema alla gestione delle problematiche post-produzione

- contribuisce alla scrittura delle specifiche tecniche e dei manuali di documentazione, partendo anche dall'analisi degli standard internazionali

competenze associate alla funzione:
- sa applicare le tecnologie, gli standard, etc. specifici del settore TLC;

- sa realizzare software/middleware grazie alle proprie conoscenze dei linguaggi di programmazione;

- sa utlizzare i principali tool di analisi e simulazione;

- sa redigere specifiche e manuali di documentazione;

- sa applicare le proprie conoscenze economico-gestionali.

sbocchi professionali:
Aziende di TLC che sviluppano hardware, firmware, software per sistemi di TLC (satelliti, ponti radio, sistemi radiomobili, collegamenti su fibra ottica, etc.)
Abilità Comunicative

Il laureato magistrale in Communication Engineering, grazie a metodologie di insegnamento che evidenziano la generalità degli argomenti e a frequenti verifiche di apprendimento basate su relazioni scritte e orali del proprio operato, che culminano nella redazione e nella discussione della tesi di laurea:

- possiede le cognizioni tecnico scientifiche di base che gli consentono di inquadrare compiutamente il proprio lavoro in contesti più ampi, anche internazionali, e di motivare chiaramente le proprie scelte sulla base dei fondamenti conosciuti.

- è in grado trasferire le proprie conoscenze, sfruttando le metodologie e le tecnologie di presentazione ed adeguando la forma comunicativa alle necessità dell'interlocutore;

- è in grado di cooperare in maniera efficace alle attività di gruppi di lavoro omogenei ed eterogenei;

- ha capacità relazionali e decisionali ed è capace di comunicare efficacemente in modo scritto e orale.